Rischio di ribasso per la Borsa italiana

b_353_205_16777215_00_images_milano.pngCon l’inizio del mese di novembre si è concluso in modo definitivo il piano di aiuti non convenzionali della banca centrale americana e che mai come nella storia si è super indebitata per sostenere la propria economia.I dati dell’ultimo trimestre sembrano darle ragione, dal momento che il pil americano si è attestato al 3,5 per cento e la disoccupazione è scesa ai livelli minimi al 6 per cento. Tuttavia va rimarcato che mai come in questo ciclo economico, ripartito nel 2009, i veri beneficiari del piano di aiuti sono stati più i mercati finanziari piuttosto che l’economia reale.

Sarà infatti importante attendere il dato del pil annualizzato per l’anno 2014 per capire se concretamente l’economia americana risulti così solida. In realtà infatti è probabile che  anche la crescita americana  dell’anno 2014 risulterà ben inferiore alle attese con una stima di crescita del 2,2 per cento rispetto ad una aspettativa iniziale del 3,5 per cento. Eppure a ben guardare le quotazioni di borsa,ancora sui massimi, nulla sembra far presagire al peggio, ma va precisato che da fonti molto attendibili di colleghi indipendenti americani, l’ultima correzione dei listini americani sia stata velocemente riassorbita su espressa volontà della Fed che avrebbe “obbligato” alcune case d’investimento “amiche” a comprare, pur di far chiudere l’anno in positivo. Pura follia finanziaria !. Guardando invece la situazione nel continente europeo, ormai si sta archiviando un altro anno di crescita molto bassa o addirittura negativa per ogni paese, fatta eccezione per la Germania che però dagli ultimi dati sui consumi interni sta vacillando anche lei.

E il nostro paese invece è ancora una volta alle prese con una depressione economica che, causa anche il forte debito pubblico, la costringe ad arrancare e tirare avanti ma senza una vera politica di rilancio. In effetti servirebbe un piano shock per impostare delle basi solide di ripresa dell’economia. Se diamo uno sguardo all’andamento dell’indice azionario, ftsemib40, notiamo che le quotazioni sono ancora inferiori del cinquantaseipercento dal top del 2007 (43.600 punti), e che dopo un riaccelerazione dai minimi del 2012 ha trovato una forte battuta d’arresto in area 22.500 punti. Il forte calo di ottobre ha dato per ora un brutto segnale tecnico che se non venisse riassorbito nei prossimi mesi, è probabile che l’indice azionario italiano possa ritestare il supporto a 17.500 punti, e che sotto tale livello si possa concretizzare definitivamente l’inversione tecnica dei prezzi. La prudenza è d’obbligo.

 

www.studioftm.it

 

Articoli Correlati
Borse europee in forte affanno, paura Brexit
Rendimenti negativi  a favore dell’oro
Spaccatura Europea
Mercati finanziari: l'illusione rialzista
ll rischio come elemento centrale
Cambio euro-dollaro come anticipatore di shock

Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina,
cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
Informativa sulla Privacy